La lava in fiamme scende la collina
Mi lavo i piedi, è domenica mattina
Il sole picchia in testa come un assassino
La piazza è in festa, la festa del patrono

Il mare scuote il letto, è un collare intorno al collo
Satelliti nell’aria caduti tutti intorno
E tra un rosario e un lutto cittadino
Mi siedo e aspetto di parlare con qualcuno

Son siciliano… mezzo africano…
Un po' norvegese… un po' americano…

La prua della barca taglia in due il mare
Ma il mare si riunisce e rimane sempre uguale
E tra un greco, un normanno, un bizantino
Io son rimasto comunque siciliano

Carmelo è biondo e ha in bocca un orecchino
Si sente già europeo, europeo palermitano
E tra le case ancora da finire
Noi continuiamo, continuiamo a far l’amore

Sono siciliano… un po' saraceno…
Un po' finlandese… ma più catanese…

Guardo fuori l’oblò c'è una luna d’argento
L’aeroplano si scuote nel vento, io lo so
Che tra un po' atterrerò e qualcuno mi attende
E mi sorriderà, appena mi vede

Carmelo dorme ai piedi del vulcano
Il vento che aveva tra i capelli adesso lucida le stelle
Negli occhi ha un sogno metropolitano
E un vulcano piano che si accende

Sono siciliano… nord-africano…
Un po' norvegese… ma comunque siciliano…